domenica 3 settembre 2017

(a cura Redazione "Il sismografo") 
*** L'Angelus di Papa Francesco
- "Spendere i propri talenti, le proprie energie e il proprio tempo solo per salvare, custodire e realizzare sé stessi, conduce in realtà a perdersi, ossia a un’esistenza triste e sterile"
Cari fratelli e sorelle, buongiorno!
L’odierno brano evangelico (cfr Mt 16,21-27) è la prosecuzione di quello di domenica scorsa, nel quale risaltava la professione di fede di Pietro, “roccia” su cui Gesù vuole costruire la sua Chiesa. Oggi, in stridente contrasto, Matteo ci mostra la reazione dello stesso Pietro quando Gesù rivela ai discepoli che a Gerusalemme dovrà patire, essere ucciso e risorgere (cfr v. 21). Pietro prende in disparte il Maestro e lo rimprovera perché questo – gli dice – non può accadere a Lui, al Cristo. Ma Gesù, a sua volta, rimprovera Pietro con parole dure: «Va’ dietro a me, Satana! Tu mi sei di scandalo, perché non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini!» (v. 23).
Un momento prima, l’apostolo era una «pietra» solida perché Gesù potesse costruirvi sopra la sua comunità, e subito dopo diventa un ostacolo, una pietra d’inciampo sulla strada del Messia. Gesù sa bene che Pietro e gli altri hanno ancora molta strada da fare per diventare suoi apostoli!
(Testo)
*** Dai saluti del Santo Padre dopo l'Angelus. La solidarietà del Papa con le popolazioni dell'Asia meridionale e del Texas
Cari fratelli e sorelle,
mentre rinnovo la mia spirituale vicinanza alle popolazioni dell’Asia Meridionale, che ancora patiscono le conseguenze delle alluvioni, desidero esprimere la mia viva partecipazione alle sofferenze degli abitanti del Texas colpiti da un uragano e da piogge eccezionali, che hanno provocato vittime, migliaia di sfollati e ingenti danni materiali. Chiedo a Maria Santissima, consolatrice degli afflitti, che ottenga dal Signore la grazia del conforto per l’intera comunità texana in questa dolorosa circostanza.
Tweet
- "È molto più importante renderci conto di quanto siamo amati da Dio, che non di quanto noi stessi lo amiamo."